Allarme insetti, tutti i modi per proteggersi quando arriva il caldo

0

L’estate porta con sé allegria, escursioni, scampagnate e divertimenti, ma anche una grande insidia per grandi e piccini: gli insetti! Zanzare, mosche, cimici, vespe e calabroni sono solo alcune delle specie che incombono durante la bella stagione, dentro casa come in giardino.

Oltre a invadere le abitazioni, questi organismi possono danneggiare piante, tessuti e complementi d’arredo, portando rotture, deterioramenti ed esborsi significativi. Senza contare il loro potenziale nocivo per la salute, in quanto causa di irritazioni, sfoghi e, nei casi più gravi, di crisi respiratorie.

Eliminarli o arginarne l’avanzata diventa, quindi, una necessità, soprattutto in presenza di bambini, persone anziane e soggetti allergici. Ma in che modo? Per una protezione efficace e duratura occorre intervenire su più livelli, sia in campagna sia in città.

Le soluzioni per proteggersi dagli insetti

Agire su più fronti è un imperativo categorico, quando si tratta di combattere un nemico come questo, proveniente dall’esterno e imprevedibile. Le mosche, in particolare, rappresentano anche un problema igienico, in quanto coprofagi (si nutrono di escrementi). Inoltre depositano le loro larve sul cibo, rovinandolo irrimediabilmente.

Alla luce di tutto ciò, intervenire sull’ambiente diventa quanto mai indispensabile, in particolar modo sulle vie di accesso. Ecco una breve rassegna dei rimedi da prendere in considerazione (e da utilizzare in contemporanea), anche a scopo preventivo:

  • trappole meccaniche
  • insetticidi o altri prodotti, ecologici e non, in grado di bloccare i meccanismi riproduttivi
  • barriere-filtro per porte, portoni e finestre.

Tra queste ultime, una valida opportunità per evitare l’ingresso di insetti è l’installazione di tende antimosche per porte esterne, grazie al loro montaggio veloce e a basso costo. In alcuni casi, rappresentano un’alternativa efficace alle zanzariere.

Tende antimosche per porte esterne, le caratteristiche

Facili da piazzare e da pulire, ne esistono di diversi materiali, naturali o sottoposti a trattamenti per migliorare le prestazioni e prolungare la durata. Tra questi vanno ricordati:

  • ciniglia, scelta tradizionale adatta a qualsiasi ambiente, apprezzata per scarsa rumorosità, leggerezza e semplicità di manutenzione
  • corda, stabile e dalla consistenza compatta
  • alluminio, trattato ad hoc per resistere ai fenomeni di combustione
  • PVC, refrattario agli agenti atmosferici e protagonista di accattivanti giochi di luce.

I modelli di più recente concezione sono disponibili in un vasto assortimento di colori e forme. Hanno un gradevole impatto estetico e risultano adattabili a molti tipi di stile, nonché di arredo.

Altro punto a loro favore è la possibilità di acquistarle in varie misure, per adattarle alle esigenze di qualsiasi unità abitativa. Sempre più fornitori, comunque, offrono l’opportunità di personalizzarle, in modo da non modificarne la struttura dopo il montaggio.

Una soluzione eco-friendly e a basso costo

Al di là di questioni estetiche e funzionali, le tende antimosche per porte esterne hanno un’indiscussa particolarità: non inquinano l’ambiente e non danneggiano la salute.

A differenza di altri sistemi, come gli insetticidi e le trappole, non contengono sostanze tossiche per la pelle o per l’apparato respiratorio. La loro installazione, quindi, non necessita di barriere per eventuali contatti accidentali o di lunghe attese prima di soggiornare nei locali.

In definitiva, si tratta di una scelta economica, ecologica, sicura, pratica e, se ben ponderata, in grado di conferire un tocco di originalità in più agli spazi domestici.

CONDIVIDI